RSS

Archivio dell'autore: Krisztina

Macco di fave, verdi però

Macco di fave

Macco di fave e crostini di pane

Tipica ricetta ungheresa… macco di fave verdi…gnaammm

ingredienti: cipolla, olio d’oliva, sale, pepe, acqua e… ovviamente fave. Trucchetto: patate per ottenere un risultato più cremoso. Sbucciate le fave, togliete la scorzetta (pelle o come la chiamate qui) grattuggiate la cipolla e mettetela a rosolare in una pentola… rosolare, come si fa sempre intendo. Dopo poco aggiungete le fave a rosolare, giusto un poco, anche questa mia iniziativa, la ricetta classica non lo prevede. Coprite il tutto con acqua, aggiungete sale, pepe e lasciate cuocere il tutto con il coperchio per almeno un ora e mezza. Allo scadere di un ora aggiungete le patate, pelate e crude. Terminate il tempo di cottura, chiamate una cavia per l’assaggio (non si sa mai). Il piatto va servito accompagnato da crostini di pane (inumiditi con olio sale pepe) ben cotti e brustoliti… chiamate la solita cavia per provare la cottura. Il piatto va mangiato caldo ed accompagnato da un buon rosso.

 
3 commenti

Pubblicato da su 15 aprile 2011 in 1. Primi

 

Torta di pere e cioccolato

“Totta” di pere e cioccolato. La ricetta la potete trovare digitando queste tre parole torta pere cioccolato su google ma questo l’ho fatta io 🙂 e sono troppo orCogliona. Ingredienti: 100 g di amaretti, 170 gr di burro, 200 gr di cioccolato fondente, 200 gr di farina, 1/2 bustina di lievito per dolci, pere, 4 uova, rum, 100 gr di zucchero. Per prima cosa sbucciate le pere, togliete semi e la parte dura centrale, poi metteteli a cuocere in un tegame largo a fuoco allegro con un po’ di rum e zucchero fino alla completa evaporazione del liquido. Nel frattempo fate sciogliere il cioccolato a bagnomaria aggiungendo 100 gr di burro a pezzetti. In un mixer sbattete il restante burro con lo zucchero e i tuorli d’uova ai quali aggiungerete il composto di cioccolato ormai tiepido. Versate il composto in una ciotola capiente aggiungete gli amaretti sbriciolati finemente, la farina e il lievito setacciati. Montate gli albumi a neve ferma incorporate un po’ di zucchero sbattendo per qualche secondo ancora. Unite il composto di amaretti e gli albumi delicatamente. Dividete l’impasto in due parti e versate la prima metà dell’impasto in una tortiera imburrata e infarinata, quindi coprite il tutto con le pere che a loro volte coprirete con il resto dell’impasto. Mettete in forno preriscaldato a 180° per circa 40 minuti. È buona la totta 🙂

 
17 commenti

Pubblicato da su 3 aprile 2011 in 4. Dolci

 

E verza fu …

E finalmente metto anche io una ricetta… Ieri ho preparato uno dei miei piatti preferiti. È una pietanza che dalle mie parti si mangia preparata in diversi modi. Io l’ho fatto così: prendete una verza, lavatela, tagliate a piccoli pezzettini e mettetela a bollire in acqua salata quanto basta per coprire la verza, fattela cuocere almeno 20-30 minutini poi scolate la “prima” acqua e poi coprite di nuovo con l’acqua fredda. Rimettetela a cuocere con 3-4 patate tagliate a piccoli pezzettini e almeno 2 cucchiaini di cumino (anche se io metto un po’ di più perchè a me piace tanto il sapore del cumino 🙂 ). Continuate a cucinare finchè le patate si cuociono a metà. Prendete una padella, fate rosolare in un bel cucchiaio di strutto mezza cipolla grattuggiata finemenete, uno spicchio d’aglio tritato, quando è dorato aggiungete un bel po’ di paprika in polvere e un cucchiaio raso di farina. Mescolatelo velocemente se dovesse risultare troppo denso aggiungete un po’ di brodino dalla verza e poi buttate questo “ràntàs” come si dice da me nella zuppa. Prendete i würstel tagliate a rondelle, buttateli nella zuppa, fatela cuocere ancora per non mangiare i würstel crudi 🙂 ed è fatta. E poi… andate dal panificio e comprate il pane appena uscito dal forno che obbligatoriamente mangerete con la verza 🙂

p.s.: scusate io povela ungheresA che non conosce maschili e femminili perchè in ungherese non esistono 🙂

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 25 marzo 2011 in 2. Secondi